Salerno e Cilento
Booking.com

Cosa mangiare a Salerno? Elenco dei piatti tipici della città

Quella di Salerno è una delle cucine più apprezzate della Campania, forse proprio a causa della semplicità che caratterizza i piatti tipici della città, ottenendo gusti genuini con ingredienti di qualità provenienti dalle campagne del suo territorio.

Quindi cosa mangiare a Salerno per tuffarsi nella tradizione della città e provare nuovi sapori? Ecco cosa chiedere!

I piatti che rientrano nell’insieme della cucina tipica della città sono prima di tutto:

 

 

  • “Il fior di latte di Tramonti”, che pare sia stato apprezzato anche dalla celebre regina Margherita di Savoia, intorno alla fine del 1800;
  • “Il mallone di Bracigliano”, costituito da ingredienti poveri rosolati in padella, tuttavia nonostante la semplicità è molto apprezzato e spesso viene richiesto come condimento sopra le pizze. Gli ingredienti del mallone di Bracigliano sono quindi principalmente erbe spontanee, quindi gli scarti delle rape, del caccialepre, del rosolaccio, del carboncello e infine viene messo del pane raffermo;
  • “La milza ripiena” è un piatto molto popolare del Salernitano, e viene servito in particolare durante la ricorrenza patronale di San Matteo, che si celebra il 21 settembre. Viene quindi usato per questo piatto il prezzemolo tritato, il peperoncino, l’aglio e la menta. Questi ingredienti vengono inseriti all’interno di piccole sacche tagliate con l’ausilio di un coltello all’interno della milza del vitello, poi richiuse solitamente con spago da cucina. Il tutto viene fatto cuocere in padella con dell’olio per circa venti minuti, per poi aggiungere vino rosso e aceto e far sfumare lentamente per circa un ora e mezza/due ore.
  • “Il sciusciello di Pellezzano” è un pane tipico di Salerno, molto gustoso da provare, cotto con strutto, pancetta e pepe, spesso condito con anche formaggio filato all’interno. “Il mascuotto di Bracigliano” è un altro pane tipico di Salerno molto apprezzato, realizzato tramite pane di grano tostato, molto amato per accompagnare antipasti; “Gli spaghetti con la tipica” sono un piatto di mare tipico di Salerno, in cui viene usato come ingrediente, in maniera gustosa, la salsa tipica della costiera Amalfitana, ovvero la “colatura di alici di Cetara”, ottenuta tramite la marinazione di alici in acqua e sale. Questa salsa è famosa anche per essere un residuo storico, pare infatti sia una delle più simili al garum romano, famosissimo condimento dell’antichità.
  • “Le alici in piattella alla salernitana” sono un altro piatto della tradizione culinaria della città, probabilmente di origine povera, costituito da alici cucinate in padella con olio, aglio e prezzemolo, spesso condite con peperonicino. Povero non significa poco gustoso, infatti le alici alla piattella sono ancora oggi un piatto tra i più popolari della città.

I dolci e i vini tipici di Salerno

A Salerno non vengono disdegnati neanche i vini locali, che sono presenti in gran numero come potete vedere da questo elenco dei vini tipici di Salerno.

Infine non bisogna dimenticare di provare anche alcuni dolci tipici della città come la “scazzetta del Cardinale”, costituto da un pasticcino in pan di Spagna a cui viene aggiunta come farcitura della crema pasticcera e fragole; il nome del dolce deriva dalla glassa rossa che viene messa sopra al pasticcino, che lo rende simile al berretto usato dai cardinali. Un altro dolce famoso è il “o cazunciell di castagnaccio”, chiamato anche in semplicità “calzoncello”, costituito da due dischi di pasta frolla contenenti della creme di ciccolato e delle castagne armoatizzate. Infine da non perdere è la sfogliatella di Santa Rosa, da assaporare con un aromatico caffé.